La storia dei tre tagliatori di pietra - Cultura della Prevenzione - Orizzonte degli Eventi - Ricerca Intervento sul benessere e la salubrità nelle organizzazioni del lavoro

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

La storia dei tre tagliatori di pietra

Pubblicato da Orizzonte degli Eventi in Poesie, racconti ed esperienze personali · 28/8/2013 21:35:22


In tempi antichi il lavoro di tagliatore di pietra, ossia di  scalpellino era molto diffuso.
Lo scalpellino è un operaio di cava che stacca, taglia e lavora la pietra.
Questo mestiere è stato fin dall’antichità sottovalutato, il tagliatore di pietra era infatti considerato un operaio che lavora la pietra  per costruire opere in serie, ma doveva avere delle  buone conoscenze tecniche per scegliere, tagliare nel punto giusto, della dimensione appropriata ecc..
Lo scalpellino si dedica poco al lavoro artistico, il suo primo compito è quello appunto di staccare e  preparare la pietra. Era un duro lavoro che implicava continui spostamenti, i tagliatori di pietra si spostavano in tutta Europa, passavano la maggior parte del loro tempo in baracche vicine ai cantieri.
Un giorno un passante non conoscendo bene questo lavoro ma incuriosito decide di capire meglio cosa facciano queste persone e in cosa consiste il mestiere di tagliatore di pietre.
Si ferma allora da un primo lavoratore e gli chiede: “che cosa fai”?
Il tagliatore risponde: “non lo vedi taglio delle pietre!”
Il passante decide di rivolgere la stessa domanda ad un altro operaio, il quale  risponde “taglio delle pietre per fare una statua”
Il passante reso ancora più curioso da questa risposta decide prima di proseguire il suo cammino di chiedere ad un ultimo lavoratore la solita domanda: “che cosa fai?”
Il terzo tagliatore risponde con grande sorpresa del viandante “costruisco una cattedrale”.




Torna ai contenuti | Torna al menu