Sicurezza e Salute nelle Aziende. La gestione del rischio psicosociale tra ostacoli e opportunità. - Orizzonte degli Eventi - Ricerca Intervento sul benessere e la salubrità nelle organizzazioni del lavoro

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

CONVEGNO MULTIDISCIPLINARE
Sicurezza e Salute nelle aziende.
La gestione del rischio psicosociale tra ostacoli e opportunità  

 


Orizzonte degli Eventi  in collaborazione con l’Università degli Studi di Firenze hanno realizzato un convegno sul tema della Campagna  Europea, appena conclusa “Ambienti di lavoro sani e sicuri 2014-2015: insieme per la prevenzione e la gestione del rischio psicosociale e dello stress lavoro correlato.”  
EU-OSHA ha realizzato questa Campagna per sensibilizzare le imprese e le istituzioni sull’importanza della costruzione di sistemi di gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, in particolare sul rischio psicosociale riconosciuto come fondamentale espressione dei rischi residui assieme al muscoloscheletrico. Lo stesso Commissario   Europeo per l’Occupazione László Andor afferma:
“La gestione dello stress correlato al lavoro è uno dei cardini per garantire la salute, la sicurezza e il benessere dei lavoratori europei. I posti di  lavoro non possono permettersi di ignorare lo stress correlato al lavoro, che aumenta l'assenteismo e riduce la produttività. Il futuro Quadro strategico dell'UE in materia di salute e sicurezza sul lavoro 2014-20 sottolineerà che una migliore tutela della salute     mentale dei lavoratori è un fattore chiave nella prevenzione delle malattie legate al lavoro. Il quadro proporrà una serie di azioni, come la condivisione di buone pratiche, per la promozione della salute mentale sul lavoro…..”
Negli anni 50’, del secolo scorso, i modelli organizzativi emergenti dall’interpretazione meccanicistica della realtà credevano di esprimere una razionalità superiore che si articolava nella parcellizzazione dei ruoli, specializzazione dei compiti, coordinamento attraverso regole impersonali, nell’autorità legittima della responsabilità gerarchica.
Oggi la nuova visione delle culture organizzative ammette che le capacità simboliche dell’uomo si possono esprimere oltre l’organizzazione formale, costruendo spazi di informalità dove si manifestano espressioni di diversità soggettiva, aspetti ideativi,  creazione di significati. Per questi ricercatori la ricchezza della vita organizzativa si “scopre” utilizzando modelli olistici, interpretativi e interattivi.
Il linguaggio metaforico e le “storie” rivelano la loro importanza nell’interpretazione, definizione e classificazione delle manifestazioni culturali di ogni organizzazione produttiva. Il benessere organizzativo dipende dalle interazioni tra individui, dalla produzione di culture in grado di indentificare gruppi che condividono interessi comuni. Queste collettività esprimono, per necessità, contenuti simbolici costituiti da metafore e miti che funzionano da collante per ogni elemento appartenente al proprio “contorno utile” (per es. posti di lavoro vicini che rendono possibile l’interazione tra lavoratori).
I contenuti simbolici ricombinandosi non producono il fare dell’impresa ma l’essere impresa.
Già dal 1985 Schein sostiene che per decifrare la cultura di una organizzazione dobbiamo usare un approccio complesso comprendente interviste, osservazione ed  analisi congiunta, nel corso della quale membri selezionati del gruppo lavorino insieme all’osservatore esterno per scoprire gli assunti inconsci che si ipotizza costituiscano   l’essenza della cultura.
In questo modo soltanto potranno essere messe in relazione le variabili culturali con quelle strategiche, strutturali, l’efficacia e l’efficienza organizzativa, definendo di conseguenza la capacità dell’organizzazione di prevenire e proteggere la salute e la sicurezza dei lavoratori.
“In definitiva, la comprensione della cultura organizzativa deve divenire parte integrante del processo di gestione.”

PDF LOCANDINA

PRESENTAZIONI DI ALCUNI INTERVENTI DEL CONVEGNO

Intervento del Prof. Franco Simonini
"Introduzione ai lavori del convegno"
PDF

Intervento del Prof. Giuseppe Vitiello.
"Connessioni tra l'organizzazione deila materia vivente e l'organizzazione dei sistemi produttivi"
PDF

Intervento del Dott. Rodolfo Buselli
"Le malattie professionali da stress lavoro correlato: alla ricerca delle basi biologiche"
PDF

Intervento della Dott.ssa Vincenza Bruno
"La salute mentale nelle organizzazioni del lavoro"
PDF

Intervento del Dott. Gabriele Corbizzi
"Il rispetto dei principi ergonomici nelle organizzazioni del lavoro"
PDF

Intervento del Prof. Vincenzo Passarello
"Lo stress e il disagio degli insegnanti a scuola: considerazioni generali.
PDF

 
Torna ai contenuti | Torna al menu